Il denaro dopo il baratto nella storia

Il denaro, in sé e per sé, non è nulla. Può essere un guscio, una moneta di metallo, o un pezzo di carta con un’immagine storica su di esso, ma il valore che la gente immettere sul non ha nulla a che fare con il valore fisico del denaro. Il denaro deriva il suo valore per essere un mezzo di scambio, unità di misura e di un magazzino per la ricchezza. Il denaro permette alle persone di scambiare merci e servizi indirettamente, a comprendere il prezzo dei beni (prezzi scritti in dollari e centesimi corrispondono a un importo nel vostro portafoglio) e ci dà un modo per risparmiare per gli acquisti più grandi in futuro.
Il denaro è prezioso solo perché tutti si conoscono lo accetterà come forma di pagamento – quindi diamo un’occhiata a dove è stato, come si è evoluta e come viene usato oggi.

Un mondo senza denaro

Il denaro, in qualche forma, ha fatto parte della storia umana per almeno gli ultimi 3.000 anni. Prima di allora, si presume che un sistema di baratto stato probabilmente utilizzato.

Il baratto è un commercio diretto di beni e servizi – Ti darò un’ascia di pietra se mi aiuti uccidere un mammut – ma tali accordi richiedono tempo. Devi trovare qualcuno che pensa un’ascia è un commercio equo per dover affrontare le zanne di 12 piedi su una bestia che non prende bene ad essere cacciato. Se questo non ha funzionato, sarebbe necessario modificare l’accordo fino a quando qualcuno ha accettato i termini. Uno dei grandi successi di denaro aumentava la velocità con cui le imprese, sia uccisione mammut o di un edificio monumento, potrebbe essere fatto.

Lentamente, si creò un tipo di valuta preistorico che veniva  facilmente scambiato con merci come pelli di animali, il sale e le armi sviluppate nel corso dei secoli. Queste merci scambiate servivano come mezzo di scambio, anche se i valori unitari erano ancora negoziabili. Questo sistema di baratto e del commercio era diffusa in tutto il mondo, e sopravvive ancora oggi in alcune parti del globo.
Intorno al 1100 aC, i cinesi spostato da utilizzando strumenti reali e armi come mezzo di scambio di utilizzare miniatura repliche degli stessi strumenti fuse in bronzo. Nessuno vuole raggiungere nella loro tasca e infilzare la mano su una freccia acuta così, nel corso del tempo, questi pugnali piccoli, vanghe e zappe sono stati abbandonati per la forma meno pungente di un cerchio, che divenne alcune delle prime monete. Anche se la Cina è stato il primo paese ad utilizzare le monete riconoscibili, le monete coniate prima sono state create non troppo lontano in Lidia (oggi Turchia occidentale).

Monete e valuta

Nel 600 aC, di Lydia re Alyattes coniata la prima moneta ufficiale. Le monete sono state fatte da elettro, una miscela di argento e oro che si trova in natura, e timbrate con immagini che fungevano da denominazioni. Per le strade di Sardi, intorno al 600 aC, un vaso di creta potrebbe costare due gufi e un serpente. la valuta di Lydia ha contribuito l’aumento Paese sia il suo commercio interno ed esterno, che lo rende uno degli imperi più ricchi in Asia Minore. E ‘interessante notare che quando qualcuno dice, “ricco come Creso”, si riferiscono a l’ultimo re della Lidia che ha coniata la prima moneta d’oro. Purtroppo, coniare le prime monete e sviluppare una forte economia commerciale non protesse la Lydia dalle spade dell’esercito persiano.