Diventare avvocato in Spagna

Per quanto riguarda la formazione di avvocato si sa che in Italia l’iter è molto lungo ma due studenti di legge hanno iniziato una  vertenza giudiziaria  perchè  avevano conseguito la laurea in giurisprudenza  a Tenerife e una volta fatto ritorno nella loro città, Macerata  lì volevano esercitare la professione  senza fare i due anni di praticantanto come vige nel nostro paese e come fanno tutti gli avvocati dello studio http://www.ticosoci.it/.
da questo fatto oggi è possibile esercitare in Italia anche se si è conseguita la laurea in un altro paese europeo dato che la Corte di Strasburgo ha deciso che nessun Paese europeo può rifiutare che  degli avvocati con  l’abilitazione in un altro Paese, non debbano iscriversi negli albi professionali italiani.

E’ stato dato via libera dunque agli avvocati italiani  di  esercitare nel nostro Paese anche se diventano avvocati in Spagna.
Ecco perchè da un paio di anni molti studenti di legge vanno a laurearsi in spagna. C’è da dire però che chi vuole diventare un avvocato a Venezia o a Treviso ad esempio può farlo ma viene inserito in una sezione speciale dell’ordine professionale per gli avvocati che hanno ottenuto  la qualifica all’estero. Di certo questo non è successo ai preparati avvocati dello studio http://www.ticosoci.it/che opera da anni nel settore forense.

Nel frattempo  adesso in Spagna le cose sono  cambiate .  Infatti fino al 30 ottobre 2011  la Spagna non aveva l’esame di stato per il titolo di avvocato, e bastava possedere la Licenciatura en Derecho (  la legge in diritto) e ci si poteva iscrivere all’ordine degli avvocati. Oggi grazie a  un Real Decreto 775/2011 il modo di accedere alla professione di avvocato è   cambiato.

Ora serve dimostrare la frequenza di un Máster en Abogacía e poi si deve superare una prova attitudinale prima di potere svolgere la professione di avvocato in Spagna. Per gli stranieri che vogliono poi diventare avvocato a Venezia o avvocato a Treviso e altre città italiane  è   stato concesso un periodo  di due anni, per potersi  mettere in regola con questo nuovo cambiamento che c’è stato anche in Spagna.

Ecco perché negli ultimi tempi molti studenti italiani hanno scelto la Spagna per diventare avvocati , per essere abilitati senza fare l’ esame di stato.

Il 28 giugno scorso però si è tenuto a Madrid il primo esame di stato spagnolo per gli studenti stranieri che avevano frequentato il master di avvocatura spagnolo.

Il nuovo esame di stato in pratica  consiste in un test  a risposte multiple con 75 domande tra cui 50 di deontologia forense e di ordinamento professionale e 25 di materie  generali trattate nel master.

In Italia, si sa che oggi per divenire avvocato a Venezia come hanno fatto i legali dello studio http://www.ticosoci.it/, è necessario laurearsi in legge e poi fare  un periodo di pratica di  2 anni, presso un avvocato iscritto all’Albo e poi l’esame di stato che prevede 3 prove scritte senza codici da cosnultare e un esame orale su 5 materie.

Quindi anche se in Spagna  c’è  un esame di Stato, ancora tanti giovani avvocati italiani studieranno e prenderanno   l’abilitazione in Spagna per esercitare la propria professione in tempi sicuramente più brevi.