Caffè in capsule o in cialde?

E’ ormai da molti anni che il mercato di capsule e cialde caffè decaffeinato e non è in vistoso aumento: comodità, praticità e velocità sono le doti principali di questo metodo di preparazione della bevanda più bevuta nel Belpaese. Anche i più conservatori, affezionati alla buona e vecchia “”mokona”” stanno mano a mano passando alla macchinetta, anche per via della miglior conservazione della materia prima, il caffè, rispettando degli standard che permettono di mantenere l’aroma del caffè in modo migliore rispetto al classico contenitore di caffè macinato “”della nonna””. Numerose ed in aumento anche le offerte cialde caffè online. Le statistiche degli ultimi anni infatti mostrano come in Italia il mercato delle cialde e delle capsule abbia ormai praticamente superato il mercato del caffè macinato per moka: specialmente per le capsule, il mercato è in aumento su valori del 20-30% annuo, mentre il mercato degli altri segmenti del caffè come moka, cialde, deka, grani, sono in calo compreso tra il 2 e il 9% annuo.

Nell’utilizzo collettivo tuttavia molto spesso i termini “”capsule”” e “”cialde”” vengono confusi: le capsule sono dei contenitori di piccola dimenzione, spesso costituiti in alluminio, al cui interno viene posto il caffè (in genere da 5 a 7 grammi). Successivamente la capsula è chiusa ermeticamente, e per via della forma cilindrica, completamente chiusa dall’ambiente esterno, l’aroma del caffè è perfettamente conservato e eventuali contaminazioni da forme batteriche sono praticamente nulle. Le capsule contengono oltre al caffè anche l’alluminio, non sono compostabili e quindi destinate all’indifferenziato. Alcune aziende negli ultimi anni tuttavia stanno producendo delle capsule biodegradabili, per permetterne la compostabilità nell’umido. In tal senso è possibile trovare diverse offerte cialde caffè online che rispettino gli standard per la compostabilità. Sono in vendita anche capsule e cialde caffè decaffeinato.

Le cialde invece sono degli involucri in carta costituiti da cellulosa al cui interno viene posto il caffè (tra 5 e 7 grammi). La cialda è poi chiusa in bustine di plastica monouso che, chiuse ermeticamente, permettono di mantenere l’aroma del caffè intatto, e allo stesso modo delle capsule, evitano eventuali contaminazioni da agenti esterni. L’involucro di cellulosa è praticamente lo stesso di quello che viene utilizzato per il the. Il pregio delle cialde è quello di essere completamente compostabile nell’umido: il consorzio ESE (Easy Serving Espresso) che racchiude praticamente tutti i produttori più importanti, è infatti il primo ad aver ottenuto la certificazione di compostabilità dei prodotti delle sue aziende. Un grosso pregio delle cialde è quello dell’utilizzo di cialde dello stesso standard ESE 44mm per tutte le marche di caffè più diffuse. Per le capsule invece gli standard delle capsule differiscono da azienda ad azienda. Quindi non è possibile utilizzare capsule di altre aziende su una macchinetta del caffè per capsule di un’altra casa produttrice. Chiaramente, le tipologie di caffè possono essere molteplici, ad esempio decaffeinato. Dunque cosa scegliere tra capsule e cialde caffè decaffeinato e non? Chiaramente il gusto e la preferenza del caffè è una cosa personale, ma indicativamente possiamo dirvi che se cercate caffè leggeri e spumosi, probabilmente il sistema che fa per voi è quello della capsula. Se invece cercate un caffè forte, simile a quello dei bar italiani, allora vi consigliamo le cialde in carta. Per risparmiare, consulta offerte cialde caffè online.