Alimenti ed accessori per l’amico fido

Come viziare il cucciolo

Al di là della pet therapy, che consiglia, a chiunque abbia una vita stressante, di tenere in casa un animale domestico, perché aiuta tantissimo, il rapporto domestico tra l’uomo e il cane davvero affonda le sue radici nella notte dei tempi. C’è chi addirittura sostiene che lo sviluppo dei due sia stato, soprattutto all’inizio, totalmente parallelo e complementare. Non si giustificherebbe altrimenti il legame istintivo, che li unisce in maniera indissolubile. Chi possiede un cane si distingue subito almeno dalla cucina, dove, per ordinata che possa essere, fa sempre bella mostra di sé un sacco di crocchette per cani e almeno uno dei suoi trasportini per cani. Infatti tutti coloro che posseggono un cane si attrezzano da subito per poterlo portare dietro, quando si spostano per periodi più lunghi della giornata. Un cane non è un animale che si possa lasciare da solo e allora, fosse anche per portarlo dal veterinario, o in giro comunque, i primi oggetti che attirano l’attenzione sono i trasportini per cani. E poco importa se la taglia non rimane quella del cucciolo che è arrivato in casa il primo giorno, perché di trasportini per cani ce n’è davvero di tutte le misure.

La giornata col cane

La giornata di chi possiede un cane inizia e finisce con l’amico di sempre. È lui a svegliarti con affetto per chiederti di portarlo fuori, per la sua prima passeggiata mattutina. È lui ad accoglierti quando torni stanco la sera, con le feste e un guinzaglio in bocca, per la passeggiata serale, rilassante e festosa. Ma anche durante il giorno la sua presenza è costante. Sulla scrivania, insieme alle foto di famiglia, la sua spicca decisa con un sorriso generoso. In auto, quando apri il cofano per riporre la tua cartella da lavoro, c’è uno dei suoi trasportini per cani, magari quello che usi abitualmente di più, e poi nella lista della spesa, al supermercato, una voce che non manca mai, a costo di dimenticare magari i propri biscotti, e quella delle crocchette per cani, sempre. La sua immagine e i suoi oggetti ti seguono, te lo riportano alla mente, ti incoraggiano a proseguire.

La famiglia e il cane

Da soli, o in famiglia, la presenza di un cane predomina, senza essere invasiva e senza creare gelosie. È affettuoso con tutti, e smorza i piccoli urti quotidiani, che inevitabilmente nascono in una comunità familiare. Scodinzola per casa, avvicinandosi ora ad uno ora all’altro dei familiari, e invita alla serenità ed alla pace. Non si ferma fino a quando non riesce a riportare l’equilibrio, che la sua innata saggezza gli impone di curare, quasi fosse il guardiano anche di questo tesoro. La sua presenza d’altronde non passa inosservata. I suoi alimenti ed i suoi accessori si accumulano, in casa nel tempo, fino a diventare quasi oggetti di arredo, come le spazzole, le scodelle, i saponi, i profumi, per non parlare del cuscino sul quale riposa, ma sono i trasportini per cani, all’ingresso, i più cari, perché riportano alla memoria le gite passate tutti assieme, e ne testimoniano la presenza sempre di più, la dove non fossero sufficienti le crocchette per cani, sparse sul pavimento della cucina, dopo il suo pasto allegro e rumoroso.