Quali rimedi per occhi stanchi

Così come respirare, utilizzare il senso della vista è per noi una cosa talmente naturale che spesso dimentichiamo che gli occhi sono uno dei nostri organi maggiormente sollecitati, tutti i giorni e per molte ore ogni giorno.

Cause dell’affaticamento degli occhi

Quotidianamente riceviamo stimoli visivi di ogni tipo, dall’ambiente che ci circonda, dalla lettura di un libro, dalla visione di una televisione a quella del monitor di un computer. A volte questi stimoli sottopongono l’occhio a repentini cambiamenti di luminosità, colore, contrasto, focalizzazione. Va detto d’altra parte che l’affaticamento degli occhi può essere provocato anche da altri fattori, quali la mancanza di riposo adeguato, inquinamento ambientale, una dieta non corretta oltre che – naturalmente – specifiche patologie dell’apparato visivo.
Ed eccoci allora, con occhi affaticati, a lamentare bruciore o eccessiva lacrimazione, arrossamento, ipersensibilità alla luce, sensazione di prurito agli occhi o anche secchezza oculare. Come ovviare a tutto questo? Quali sono i rimedi per gli occhi stanchi?

Rimediare all’affaticamento degli occhi

I rimedi per gli occhi stanchi possono essere molteplici; tralasciando in questa sede l’indicazione dei farmaci consigliati in presenza di affaticamento oculare causato da malattia specifica, rimedi efficaci possono essere considerati: controllare la propria dieta, accertandosi che sia equilibrata e ricca di acqua e verdure, e tale da garantire un sufficiente apporto di potassio e magnesio; rimedi ugualmente validi sono anche dormire a sufficienza (almeno sette ore) e con regolarità, effettuare degli impacchi rilassanti, semplicemente disponendo sul proprio viso – per quattro o cinque minuti – un asciugamano imbevuto in acqua calda o in acqua di rose; o anche, affidarsi ai ‘metodi della nonna’: per lenire l’affaticamento oculare ottimi sono la disposizione di fette di cetriolo sulla palpebra dell’occhio stanco, così come disporre sulle palpebre un batuffolo di cotone imbevuto in albume d’uovo sbattuto.

Esercizi per il rilassamento degli occhi

Esiste anche una serie di esercizi, idonei a rilassare gli occhi, semplici da eseguire e molto adatti – per esempio – ai video-terminalisti. Si tratta di ulteriori rimedi contro gli occhi stanchi, tali da costituire nel contempo una forma di prevenzione assolutamente non trascurabile contro l’insorgere di eventuali patologie dell’apparato visivo. Un primo esercizio, chiamato palming e da effettuarsi preferibilmente in locale buio, consiste nel chiudere gli occhi ed appoggiare i palmi delle mani sugli stessi, quindi nell’inspirare ed espirare lentamente e profondamente per circa due minuti. Un altro esercizio efficace è quello di guardare in tutte e quattro le direzioni – su, giù, destra, sinistra – il più lontano possibile e per due o tre secondi; è importante fare attenzione che nell’eseguire l’esercizio vengano mossi solo gli occhi e non anche la testa. Ancora, l’esercizio della farfalla: ovvero, a testa diritta e ad animo rilassato vanno chiuse ed aperte le palpebre ripetutamente ma lentamente, per circa venti volte.

I migliori rimedi per occhi affaticati e stanchi

Tutti i rimedi naturali per donare sollievo agli occhi affaticati dal lavoro, dal continuo contatto con schermi e dallo stress, nonché da caratteristiche particolari – come il colore – che rendono alcuni organi visivi più sensibili di altri.

Quando gli occhi sono affaticati e come riconoscerli

La stanchezza è una condizione che riguarda e abbraccia tutto il corpo. Si parla molto spesso di stanchezza fisica, e ancor più spesso di stanchezza psicologica, ma raramente si fa cenno a un tipo di stress che riguarda una parte del corpo ben delimitata, nonché una di quelle più utilizzate nella vita di tutti i giorni: gli occhi.
Gli occhi possono rivelarsi molto affaticati in seguito a un’intensa giornata. Le cause che possono portare un affaticamento agli occhi sono certamente molteplici, e molte di esse lavorano in sinergia, creando condizioni ancora più intense e dannose (l’affaticamento degli occhi può, col tempo, portare a una ridotta visibilità). Certamente è notevole il contributo dato dall’utilizzo prolungato del computer e del cellulare, nonché dalla lettura (soprattutto in casi di scarsa luce) e dalle allergie. Per questo sono utili dei rimedi per occhi affaticati e stanchi.
L’affaticamento degli occhi si riconosce in modo immediato: si fa fatica a tenerli aperti, si può verificare la difficoltà di mettere a fuoco gli oggetti e, in generale, si percepisce un senso di pesantezza che grava sull’area intorno al bulbo oculare.

I migliori rimedi per occhi affaticati e stanchi

Ogni qualvolta si percepisce una stanchezza negli occhi, un buon rimedio (temporaneo) è quello di chiudere le palpebre per qualche secondo o minuto: in questo modo si consente al complesso sistema interno all’occhio di fare un bel respiro e scaricare tutta la tensione accumulata.
Inoltre, quando vi sono condizioni ambientali sfavorevoli (vento eccessivo oppure caldo intenso) è consigliabile utilizzare delle lacrime artificiali per mantenere l’occhio idratato e fresco, evitando sensazione di secchezza e di stress.
Alcune erbe possono sono tra i migliori rimedi per occhi affaticati e stanchi: quando si percepisce stanchezza, infatti, possono essere utilizzate delle bustine di te nero o verde (tiepide o fredde) da applicare sugli occhi chiusi. Evitare, invece, erbe urticanti che potrebbero solo peggiorare la situazione. Anche applicare delle fette di patate o di cetriolo – come si vede spesso in tv – è una reale e valida soluzione.

Le abitudini che rendono lo sguardo più bello

Vi sono delle indicazioni da seguire sin da quando si è piccoli per evitare non solo problemi alla vista, ma anche inestetismi dell’area che circonda gli occhi. Innanzitutto, come rimedi per gli occhi affaticati e stanchi, quando si lavora al computer o si gioca con uno schermo, è bene tenersi a debita distanza e fare delle pause a cadenza regolare; non solo: si consiglia di preferire livelli di luminosità di questi dispositivi adeguati alle condizioni luminose dell’ambiente (evitare, dunque, differenze notevoli).
Quando, inoltre, si passa da un ambiente poco illuminato a uno ricco di luce, è bene dare il tempo agli occhi di adeguarsi alle nuove condizioni.