Arrossamento degli occhi

L’arrossamento oculare rappresenta una condizione abbastanza comune, la quale, quasi mai, desta preoccupazioni. Spesso potrebbe comportare la simultanea presenza di altri sintomi ad esso associati.

Occhi arrossati, di cosa si tratta

Gli occhi arrossati sono noti, dal punto di vista medico-scientifico, con il termine di “”iperemia congiuntivale””. E’ un disturbo caratterizzato principalmente da arrossamento della porzione bianca dell’occhio, ossia la sclera, ma anche dal coinvolgimento della congiuntiva, cioè la struttura rosastra che riveste internamente le palpebre. Queste strutture anatomiche possono apparire di colore rosso quando subiscono un danno, con dilatazione dei vasi sanguigni che le irrorano.
Molto spesso, gli occhi arrossati non sono l’unico sintomo presente in caso di infiammazione oculare, in quanto potrebbero essere associati ad altri sintomi, a seconda delle cause, tra cui prurito (il quale a sua volta comporta un peggioramento del rossore in seguito al grattamento), lacrimazione, gonfiore, disturbi della vista, o dolore.

Cause dell’arrossamento oculare

Tra i principali fattori responsabili del rossore degli occhi rientrano, senza dubbio, infiammazioni oculari, di solito transitorie, di natura infettiva e allergica. Le infezioni più frequenti e note, causanti gli occhi arrossati, sono rappresentate dalle congiuntiviti batteriche, le quali comportano un senso di fastidio, come se fosse presente un corpo estraneo nell’occhio, lacrimazione, bruciore e secrezioni purulente. Tra le congiuntiviti, rientrano anche quelle allergiche, soprattutto in determinati periodi dell’anno (primavera), dovute all’esposizioni a pollini irritanti. Un’altra causa responsabile dell’iperemia (rossore) della sclera, è un eccessiva esposizione alle luci dello schermo di un computer, di un cellulare, o addirittura di una televisione, che potrebbero influenzare la capacità visiva dell’occhio, che appare arrossato e stanco, soprattutto quando non vengono rispettate le buone norme di distanza dallo schermo.
Altro fattore scatenante potrebbe essere l’utilizzo prolungato delle lenti a contatto, le quali riducono il diretto contatto dell’occhio con l’aria atmosferica, facendo in modo che l’occhio diventi più secco, ma anche più rosso.
Infine altre cause del rossore agli occhi potrebbero essere rappresentate dalla mancanza di sonno ed eccessiva stanchezza, dal fumo di sigaretta (di per sè irritante per la superficie oculare), dall’alcol, traumi e abrasioni, oppure da un semplice raffreddore.

Come prevenire gli occhi arrossati

Di solito il rossore agli occhi è un disturbo che può durare al massimo qualche giorno, relativamente alla causa, ed è importante capire quando è opportuno rivolgersi ad uno specialista (in caso per esempio di occhi rossi accompagnati da mal di testa, o visione di aloni luminosi o annebbiata). Ovviamente, sarà possibile effettuare qualche piccolo accorgimento per evitare l’insorgenza degli occhi arrossati.
Per esempio, è fondamentale mantenere sempre un’accurata igiene delle mani per indossare le lenti a contatto; evitare l’utilizzo di saponi eccessivamente irritanti per il lavaggio del viso; evitare di strofinarsi gli occhi con le mani sporche, soprattutto se è già in atto un’infiammazione oculare; astenersi al prolungato uso di computer o cellulari che potrebbero stancare la vista, con bruciore e rossore degli occhi.

Lascia un commento