L’importanza del fondo vittime della strada

Il fondo vittime della strada è una delle istituzioni meno conosciute dal popolo italiano ma una delle più importanti. Esso opera nell’ambito dell’infortunistica stradale, ossia si occupa di risarcire le persone che hanno subito incidenti stradali riportando danni fisici. E’ stato creato dallo Stato italiano nel 1959 per andare ad integrare quella che è stata la legge che ha reso obbligatorio munire la propria vettura di un’assicurazione che coprisse la responsabilità civile (RCA). Esso è alimentato da tutti coloro che stipulano una polizza RCA ed è gestito dall’associazione nazionale delle compagnie assicuratrici; tuttavia la gestione viene destinata con rotazione triennale ad una singola compagnia assicuratrice. Il suo funzionamento è determinato nei minimi dettaglia dalla legge che ne giustifica il ricorso in casi particolari: sinistro causato da veicolo ignoto, rubato, privo di assicurazione, dotato di assicurazione in stato di liquidazione coatto, di provenienza straniera con documenti non conformi, o indirettamente da un veicolo ignoto (dispersione di detriti o fluidi sulla sede stradale). Esso risponde del risarcimento danno biologico nella sua componente sia fisica che psichica fino ad un massimo di mezzo milione di euro, mentre risponde solo in casi gravi del danno materiale e comunque con una franchigia di euro 500. Per rivolgersi a tale ente è sempre consigliabile appoggiarsi ad un’agenzia che si occupa di pratiche di infortunistica stradale, come Zetainfortunistica.