Montecarlo un paradiso fiscale

Monte Carlo il paradiso fiscale dei vip

Il paradiso fiscale di Monte Carlo è tra i più famosi al mondo. Gode di una posizione privilegiata tra mare e montagna e di un panorama mozzafiato. Personaggi famosi e grandi investitori internazionali prendono la residenza per poter accedere alle enormi agevolazioni finanziarie offerte dal paradiso fiscale di Monte Carlo. Molti portano i capitali nel Principato di Monaco con evidenti ricadute benefiche sull’economia interna, in particolare sul mercato immobiliare, perché le tasse sono irrisorie per non dire inesistenti quando di tratta di persone fisiche. E’ un vero e proprio paradiso fiscale, Montecarlo!

 

Montecarlo tra glamour e zero tasse

L’economia si sostiene grazie agli introiti dei casinò e del turismo oltre che come paradiso fiscale di Monte Carlo. Il Principato di Monaco ha una dimensione di 2,02 km quadrati ed è il secondo Stato sovrano più piccolo al mondo dopo Città del Vaticano. I residenti sono circa 36.000 e dal 1869 non sono soggetti a tassazione sui redditi, sul capitale e sui plusvalori. Il principio base del fisco monegasco è infatti l’assenza di imposte dirette: chi dimostra di avere la residenza qui si tiene tutti i soldi che guadagna. Solo il 25% (circa 7.650) della popolazione è nativa monegasca, gli altri sono milionari esteri. Data la vicinanza, il paradiso fiscale di Monte Carlo è il prediletto dei francesi e degli italiani, seguiti dagli inglesi. L’unica eccezione riguarda i francesi: se non dimostrano di essere residenti a Monte Carlo da 5 anni consecutivi devono sottostare al regime fiscale transalpino. Per le imprese ci sono forti agevolazioni in tema di fiscalità. Le società che hanno il 25% del loro giro d’affari fuori da Monte Carlo e quelle la cui attività a Monaco ottiene guadagni sui brevetti o sui diritti di proprietà letteraria e artistica, sono soggette a un’imposta del 33,33%. Una tassazione molto bassa. A parte la Francia, il paradiso fiscale di Monte Carlo non ha sottoscritto alcun accordo fiscale bilaterale con altri paesi. E ancora oggi garantisce il massimo della riservatezza del segreto bancario.

 

A chi è adatto il paradiso fiscale di Monte Carlo?

E’ bene sapere che il Principato di Monaco accoglie soprattutto capitali ingenti, se gli investimenti sono nell’ordine di poche decine di migliaia di euro allora è meglio non ricorrere al paradiso fiscale di Monte Carlo. Anche qui però c’è qualcosa che si paga: sono tutti i documenti destinati agli atti giudiziari, soggetti all’obbligo dei diritti di bollo. Nel paradiso fiscale di Monte Carlo i diritti di bollo sono fissi, ma talvolta possono variare a seconda delle dimensioni dei fogli o del valore indicato sulle scritture. Si versano anche i diritti sulle registrazioni dei trasferimenti, mentre nel paradiso fiscale di Monte Carlo si applica l’IVA alle cessioni immobiliari portate a termine da un soggetto passivo.

Lascia un commento