La dieta del gatto

La dieta del gatto obbedisce a regole. Dateci un’occhiata per nutrire al meglio il vostro animale domestico.
1. Poco ma spesso

Molti piccoli pasti sono abbastanza marcati, il gatto mangia in particolare durante le ore notturne, piuttosto che un singolo pasto, tipico delle situazioni di stress (anche in natura) e causando l’obesità e altri malfunzionamenti. Dobbiamo abituare il gatto dalla giovane età a prendere i pasti in modo indipendente.

2. razioni equilibrate

Regolare la quantità in base al peso del vostro gatto: per ogni chilo di peso, ha bisogno di prendere 40 a 50 grammi di razione. L’ideale è quello di preparare cibo in casa, con il 50% di carne leggermente bollita (manzo, cavallo, pollame, pesce, ecc), il 20% di cereali molto cotti, il 20% di verdure cotte e il resto di integratori vitaminici e olio.

3. Attenzione ai cambiamenti improvvisi

Abituarsi gradualmente gatto novità e non cercare di sperimentare nuovi piatti e sapori insoliti.

4. L’acqua è importante

Il gatto non è un gran bevitore: assorbe la maggior parte del liquido con il cibo e senza il bisogno di bere. Per questo motivo, scegliere una dieta che fornisce almeno un pasto al giorno umido. Le minestre preparate con carne o brodo vegetale arricchite con cereali, carne o formaggio vanno benissimo .

5. No “avanzi”

Il gatto non è un essere umano e non deve essere alimentato come noi, o peggio, con i nostri avanzi. Questa abitudine sta diventando una fonte di notevole stress negli animali, che si riflette anche nei suoi rapporti con il suo padrone e la vita familiare, causando conflitti e gli argomenti inutili durante i pasti. Ricordate che alcuni doni dettati dall’affetto sono dannosi per la salute del gatto (ad esempio dare torte e altre “chicche”).

6. Controllare la temperatura

Il cibo non dovrebbe andare tirato fuori dal frigorifero appena viene presentato al gatto, né essere troppo caldo. L’ideale è una temperatura media simile alla temperatura corporea. il pasto , tranne quando si tratta di crocchette, non dovrebbe essere lasciato più di tre o quattro ore a disposizione del gatto.

7. Non dolci

L’eliminazione di dolci e zucchero dalla dieta del gatto dovrebbe essere una regola assoluta. Cioccolato, oltre a nutrire troppo, può causare avvelenamento da teobromina. Tuttavia, è possibile piuttosto offrire uno snack per gatti di tanto in tanto.

Lascia un commento